Paresi facciale

Zona

Occhi e palpebre

Anestesia

Si

Durata intervento

  • Breve
  • Media
  • Lunga

50

Tempo Ricovero

  • Breve
  • Media
  • Lunga

33.3

Tempo Recupero

  • Breve
  • Media
  • Lunga

50

COS’È LA PARESI FACCIALE?

La paralisi del nervo facciale consiste nella interruzione della comunicazione nervosa fra il nervo facciale e i muscoli che innerva, con conseguente deficit funzionale degli stessi.

Il VII nervo cranico controlla la maggior parte dei muscoli del viso: permette alla fronte di muoversi, alle palpebre di chiudersi e alla bocca di sorridere. Controlla inoltre le ghiandole salivali, la lacrimazione occhi ed è responsabile della sensazione del gusto avvertita sulla lingua.

paresi facciale

In caso di paresi facciale, i tessuti della metà del volto interessata non sono più supportati dalla muscolatura sottostante e, dunque, cedono: la fronte, il sopracciglio, la guancia, le labbra e la regione sottomandibolare tendono a scivolare in basso (ptosi dell’emivolto). Le funzioni di chiusura spontanea delle palpebre e dell’ammiccamento involontario, fondamentale per la lubrificazione dell’occhio, vengono perse.

Un segno cardine della paresi facciale è il lagoftalmo, ovvero l’incompleta chiusura della palpebra con costante esposizione di parte della superficie bianca dell’occhio (sclera), anche mentre il paziente dorme.

La guancia, priva di tono, rende difficoltosa l’alimentazione oltre a impedire il corretto uso del linguaggio.


QUALI SONO I SINTOMI PIÙ EVIDENTI DELLA PARESI FACCIALE?

  • Incapacità di chiudere l’occhio, con conseguente secchezza, lacrimazione occhi, abrasioni, ulcere corneali, dolore.
  • Ectropion paralitico (eversione della palpebra).
  • Assenza di contrazione dei muscoli dell’emivolto colpito.
  • Asimmetria facciale.
  • Caduta laterale della rima buccale (angolo della bocca) con difficoltà di linguaggio e masticazione.
  • Inespressività dell’emivolto colpito.
prima e dopo intervento paralisi al volto
esiti paresi facciale

POSSO SOTTOPORMI A INTERVENTO DI CORREZIONE DI UNA PARESI FACCIALE?

La paresi facciale è una patologia invalidante dal punto di vista funzionale, estetico e psicologico

I pazienti si rivolgono al chirurgo oculoplastico perché:

  • Hanno difficoltà ad accettare l’aspetto del proprio volto, che toglie sicurezza in se stessi e condiziona la vita di relazione.
  • Lamentano fastidio e dolore legato al malposizionamento palpebrale: la superficie oculare esposta costantemente agli agenti esterni è sofferente, arrossata, talora ulcerata.
  • L’asimmetria del volto e dello sguardo, esteticamente ed emotivamente poco accettata, può associarsi a dolore e sensazione di pesantezza della parte sana del viso.

IN COSA CONSISTE L’INTERVENTO DI CORREZIONE DI UNA PARESI FACCIALE?

  • Trattamento medico locale: lubrificanti in gocce, creme o lente a contatto terapeutica. Ha il solo scopo di ridurre la sintomatologia irritativa, conseguente alla mancata chiusura palpebrale.
  • Trattamento chirurgico: le procedure chirurgiche applicabili sono diverse, personalizzate sul paziente.

Inserimento di peso d’oro nella palpebra superiore: migliora meccanicamente la chiusura palpebrale. Viene eseguito in anestesia locale.

  • Cantoplastica mediale associata a cantopessia laterale: permette una buona stabilizzazione del bordo palpebrale inferiore, all’altezza desiderata. Viene eseguito in anestesia locale.
  • Lifting del sopracciglio: in caso di ptosi sopraccigliare, permette un sollevamento del sopracciglio senza intervenire sulle altre strutture del viso medio. Viene eseguito in anestesia locale.
  • Lifting medio facciale: migliora la posizione dello zigomo e della palpebra inferiore. Viene eseguito in anestesia locale con sedazione.

L’intervento sarà personalizzato per mantenere un aspetto naturale, per riflettere la personalità del paziente e l’individualità della sua immagine, per rispettare le esigenze espresse durante il colloquio preoperatorio


COSA DEVO ASPETTARMI? QUALI SONO I RISULTATI DELLA CORREZIONE DI UNA PARESI FACCIALE?

immagine post intervento paresi facciale

Ogni paziente verrà indirizzato e consigliato verso le pratiche chirurgiche più appropriate e all’avanguardia, secondo le più aggiornate linee guida delle associazioni chirurgiche internazionali

L’intervento chirurgico ottiene un importante miglioramento del difetto.

  • Si ottiene un miglioramento della simmetria del volto e dello sguardo, si riacquista parte dell’armonia delle proporzioni del viso.
  • Riduce la sintomatologia da esposizione, quale arrossamento oculare costante, fastidio e bruciore, intensa lacrimazione.
  • Riduce il rischio di complicanze severe, quali abrasioni corneali e ulcere.

Scrivici per maggiori informazioni

Il/La sottoscritto/a, acquisite le informazioni fornite dal titolare del trattamento ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n. 196/2003, e consapevole, in particolare, che il trattamento riguarderà i dati sensibili di cui all'art.4 comma 1 lett. d), nonché art.26 del D.lgs.196/2003, vale a dire i dati idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale.