Ridefinire e prevenire le prime rughe? Con la ginnastica facciale si può

ginnastica facciale

Non c’è niente di meglio della ginnastica per rimanere belle e toniche. Ma chi ha detto che siano utili solo gli esercizi per sollevare i glutei o allenare gli addominali? Anche la ginnastica facciale è importante e conoscere gli esercizi da fare permette di tonificare, rassodare e ridisegnare i contorni del viso

Del resto, il nostro volto non mente. Stress, cattive abitudini, preoccupazioni, insonnia, emozioni: tutto lascia un segno. Chi ci guarda può capire se andiamo a letto tardi, se passiamo troppe ore davanti allo schermo di un pc, se mangiamo male, se fumiamo. La nostra vita quotidiana modifica il nostro volto ed è così che, con il passare del tempo, appaiono su di esso i primi segni e i primi cedimenti. 

Fermare l’effetto del tempo che passa? Servirebbe una bacchetta magica di cui, sfortunatamente, siamo ancora sprovvisti. Ma non bisogna disperare. Ci sono alcuni modi per prevenire il rilassamento dei muscoli facciali e, al contempo, per garantire luminosità e tonicità alla pelle. 

Stiamo parlando della ginnastica facciale, uno dei segreti di tante bellissime attrici che dovrebbe essere conosciuto da tutti. 

Ginnastica facciale: a cosa serve e quali esercizi fare

Sarebbero sufficienti poco più di 15-20 minuti al giorno per 30 giorni per vedere i risultati della ginnastica facciale.

Si tratta di mini allenamenti, studiati appositamente per le varie zone del viso, che hanno come scopo quello di provocare un movimento muscolare mirato che serve per attenuare le rughe di espressione

Smorfie, vocalizzi e riproduzione di espressioni che interessano la fronte, le palpebre, gli zigomi, le guance, il mento e il collo. Ogni zona del viso ha il suo esercizio specifico.

Fronte: il consiglio è quello di cercare di mantenere per 10 secondi la posizione viso imbronciato, con fronte e sopracciglia corrucciate. Tornare in una posizione rilassata, spalancare gli occhi e alzare le sopracciglia. L’esercizio va ripetuto per 10 volte. 

Zona del contorno occhi: per effettuare questo esercizio si devono mettere gli indici nella zona sotto le sopracciglia mentre i pollici vanno posizionati sotto gli occhi. Chiudendo le palpebre superiori si andrà a creare un movimento di resistenza. Mantenendo le palpebre chiuse sarà necessario andare a muovere gli occhi verso l’alto e verso il basso. 

A cosa serve? Si può cercare di lavorare sulle rughe del contorno occhi ma anche sulla pesantezza oculare dettata da tante ore dinanzi allo schermo del pc.

Guance e zigomi: per ottenere un effetto liftante è utile fare questo esercizio con costanza. Basterà aprire la bocca e formare la lettera O per poi sollevare il labbro superiore sopra i denti. A questo punto si dovrà sorridere per portare verso l’alto i muscoli delle guance. L’esercizio, chiamato anche cheek lifter, dura circa un minuto e ripeterlo durante la giornata aiuta a raggiungere velocemente un buon risultato.

Grazie a questi semplici esercizi, che possono essere effettuati anche a casa con le proprie mani e che possono dare dei risultati soddisfacenti se fatti con costanza, si può cercare di ridefinire e prevenire le prime rughe. Sì, perché deve essere sempre ben chiaro che non si ringiovanisce con la sola ginnastica facciale

Quando la ginnastica facciale non basta

Per ottenere dei risultati più evidenti e duraturi nel tempo è necessario ricorrere alla medicina estetica e, in particolare, ai filler biodinamici a base di acido ialuronico, allo Skinbooster e al microbotox.

Quando si parla di ringiovanimento del volto o dello sguardo questa è la chiave di volta. Sappiamo bene che, con il passare degli anni, la pelle cede a causa di un rallentamento della naturale e fisiologica produzione di acido ialuronico. La nostra pelle reagisce perdendo tono ed elasticità, lasciando il posto a delle rughe più o meno profonde.  

Ecco, quindi, che questi trattamenti aiutano non solo ad appianare le rughe del contorno occhi ma anche quelle della zona naso labiale, le rughe della fronte e anche il cosiddetto codice a barre, ossia le rughe del fumatore

Bastano poco più di 15 minuti per ottenere un risultato naturale e più che soddisfacente, la cui durata può essere potenziata grazie all’esecuzione della ginnastica facciale. Per questo motivo è possibile concordare con il professionista una serie di esercizi da svolgere a casa in totale autonomia così da ottenere un effetto anti-age ancora più profondo. 

Accanto ai filler di ultimissima generazione è possibile anche inserire un lifting manuale che, attraverso delle manovre profonde, va a stimolare il tessuto muscolare e a tonificare la pelle, permettendone al contempo la sua ossigenazione. 

Una serie di azioni, che talvolta possono essere sinergiche, che ci portano ad avere una pelle migliore, uno sguardo riposato, una zona contorno occhi non segnata e drenata: in poche parole un viso che trasmette emozioni positive.

Per sapere quello che possiamo fare per ogni singolo caso non resta che contattarci.