Qual è il miglior periodo dell’anno per sottoporsi a un intervento agli occhi

stagione intervento agli occhi

Quando si decide di voler migliorare il proprio sguardo, spesso ci si trova a dover fare i conti con quelle che sono le tempistiche perfette per una eventuale operazione. Qual è il miglior periodo dell’anno per sottoporsi a un intervento agli occhi?

Intervento agli occhi e stagioni

La zona dello sguardo è oggi uno dei focus principali del viso e sempre più persone decidono di sottoporsi a un intervento estetico o funzionale per migliorarla.

C’è chi non sopporta, guardandosi allo specchio, una palpebra cadente che tende a cedere sempre di più, chi lamenta uno sguardo spento, chi non vuole più fare i conti con borse e cerchi scuri sotto gli occhi.

Qual è il periodo migliore per effettuare un intervento mirato a correggere un difetto o un problema estetico dello sguardo con cui non si vuole più convivere?

Autunno, inverno e primavera sono le stagioni più indicate per sottoporsi a un intervento come quello di blefaroplastica superiore o inferiore. Perché? Senza il caldo torrido dell’estate anche il periodo post-operatorio è più semplice da gestire.

Tuttavia, non sempre è possibile sottoporsi a un intervento nei mesi meno caldi. Lavoro e impegni personali di varia natura possono far trovare il tempo per un’operazione agli occhi solo nel periodo estivo. Cosa fare in questi casi? Si deve necessariamente rinunciare?

Per fortuna no. Grazie alla chirurgia estetica e funzionale senza cicatrici è possibile affrontare un intervento di questo tipo anche in estate. Le nuove tecniche oculoplastiche mini invasive, che non prevedono incisioni cutanee, sono la soluzione.

Con un intervento di blefaroplastica transcongiuntivale, ad esempio, sarà possibile eliminare le borse sotto gli occhi effettuando un’incisione nella parte interna della palpebra (congiuntiva), senza lasciare cicatrici esterne e visibili.

Allo stesso modo si potrà eliminare il problema connesso a palpebre cadenti, altresì detta ptosi palpebrale. Anche in questo caso è possibile agire per via transcongiuntivale, così da non avere una cicatrice esterna.

Chi non può scegliere altre stagioni che non siano l’estate potrà comunque ottenere il risultato desiderato: uno sguardo non più appesantito, ma che ritrova la sua naturale freschezza.

L’operazione ha una breve durata e sarà possibile riprendere la vita quotidiana entro qualche giorno, seppur con le dovute accortezze. Chi opta per una operazione di blefaroplastica in estate deve ricordare che la zona va sempre protetta con occhiali scuri e che sarà necessario utilizzare delle creme solari specifiche per il contorno occhi.

Attenzione alla scelta della migliore formulazione possibile. Un solare per una zona così delicata deve avere una texture adatta, che non sia troppo grassa e che non vada a sciogliersi colando negli occhi. Questo è pericoloso sia per l’occhio stesso, che potrebbe infiammarsi, sia per l’incisione interna che è comunque presente.

E i trattamenti di medicina estetica?

Quali sono, invece, le stagioni più adatte per sottoporsi a un trattamento di medicina estetica?

Il botox non va in vacanza e non conosce stagioni. Il trattamento con tossina botulinica può essere effettuato anche nei mesi più caldi dell’anno senza problemi connessi all’esposizione solare.

Un’attenzione diversa va, invece, data se si decide di andare a riempire rughe del contorno occhi e zampe di gallina con un filler di ultima generazione. In questo caso è sempre possibile effettuare il trattamento anche in estate, ma attenzione a non esporsi al sole nei sette giorni successivi al trattamento. Il periodo migliore? Un paio di settimane prima di partire, così da essere perfetti e ben idratati in vista della vacanza estiva.

Redazione Oculoplastica – Dr. Graziani