Ringiovanire lo sguardo? Ecco a voi le tecniche della ginnastica facciale

ginnastica-facciale

È un dato di fatto: con il passare del tempo la pelle perde elasticità, il tessuto adiposo si assottiglia e le guance si scavano.

Proprio per questo il mondo della cosmetica si impegna da anni nello sviluppare formule all’avanguardia in grado di contrastare questa serie di inestetismi.

Non tutti, però, sanno che esiste un altro modo, molto più naturale e “divertente”,  che potrebbe rivelarsi  la mossa vincente per il ringiovanimento del vostro viso: la ginnastica facciale.

Infatti, alcuni esercizi specifici riguardanti il muscoli possono donare un lifting naturale al vostro viso.

Questo perché aumentando il volume della muscolatura al di sotto dello strato di grasso, la pelle può ritrovare il sostegno perduto e la forma del volto ritornare più tonica e levigata.

La costanza e la perseveranza, permettono di raggiungere risultati osservabili a occhio nudo!

Prima di parlare di ginnastica, però, è fondamentale fare una distinzione, perché non sempre, il movimento dei muscoli fa bene alla nostra pelle e al nostro sguardo, soprattutto se involontario e incontrollato.

Rughe: come si formano?

Forse non lo sapete ma a ogni emozione, che sia positiva o negativa, corrisponde un movimento dei muscoli facciali non controllato, che si ripercuote sulla pelle del nostro sguardo.

Questo movimento facilita la comparsa delle cosiddette rughe d’espressione, che, con il passare del tempo tendono a rafforzarsi e a “fissarsi” sul nostro viso, conferendogli il più delle volte un aspetto cadente e triste.

Eccone le principali

  • rughe della fronte: quando ci stupiamo, spalanchiamo involontariamente gli occhi, alzando le sopracciglia. Questo movimento muscolare provoca la comparsa delle rughe glabellari, dette anche “rughe del pensatore”, responsabili dei solchi che si formano a partire dalla radice del naso.
  • rughe dello sguardo: sono le rughe che, per esempio, si formano quando piangiamo, comparendo proprio al di sotto delle palpebre inferiori. In questo caso, lo stesso movimento muscolare non solo provocherà la comparsa di rughe ma anche faciliterà la formazione di borse sotto gli occhi.
  • rughe del sorriso: quando sorridiamo, contraiamo i muscoli labiali e quelli della zona perioculare. È in questo modo che si formano le rughe intorno agli occhi, la cui comparsa è facilitata dal sottilissimo spessore della pelle in questa specifica regione del viso.

 Quindi, come fare per rallentarne la comparsa, nonostante il lavoro quotidiano e incontrollato dei nostri muscoli facciali?

Come si fa la ginnastica facciale?

Secondo uno studio pubblicato dalla rivista Jama Dermatology, esercitare i muscoli del viso per 30 minuti al giorno per 20 settimane può ridurre di tre anni l’età attribuibile ai pazienti che si sottopongono al trattamento

In questo caso, il movimento muscolare non è più inconsapevole e incontrollato ma mirato all’obiettivo opposto: eliminare le rughe d’espressione.

La serie di esercizi comprende riproduzione di vocali con le labbra e diverse posizioni, simili a smorfie, che coinvolgono gli zigomi, la fronte, le palpebre, le guance, il mento, il naso e il collo.

Vediamone i principali:

  • Cheek Lifter: questo esercizio è perfetto se si ha bisogno di attivare un effetto liftante sulle guance. Aprite la bocca formando una O e posizionate il labbro superiore sopra i denti. Infine sorridete, in modo da sollevare i muscoli delle guance. Ripetete più volte in modo da rendere sempre più tonici i muscoli che ne controllano il movimento.
  • Rughe glabellari e della fronte: bloccate con gli indici la parte superiore delle sopracciglia, sollevatene gli angoli verso le tempie, tentando di aggrottare la fronte. Tenete fermo con gli indici l’attacco del cuoio capelluto sulla fronte e abbassate le sopracciglia.
  • Zampe di gallina: posizionate gli indici sotto le sopracciglia e le falangi dei pollici sotto gli occhi. Chiudete contemporaneamente le palpebre superiori e inferiori facendo resistenza al movimento con le dita. Con le palpebre chiuse muovete gli occhi in alto e in basso. In questo modo allenerete i muscoli del vostro sguardo, rendendoli più tonici e più forti, in grado di contrastare ogni ruga.

Come avrete capito, gli esercizi facciali, se controllati e mirati, rinforzano i muscoli del viso.

La ginnastica facciale può essere considerata un ottimo sistema naturale,  molto utile anche nel potenziamento e mantenimento dei risultati ottenuti con la medicina estetica, come il filler a base di acido ialuronico.

Il vostro viso sarà così più tonico e rimpolpato, insomma, ringiovanito!

Per avere più informazioni al riguardo non vi resta che rivolgervi direttamente a noi, saremo felici di approfondire l’argomento insieme.

La redazione